Giovani, attori per il cambiamento: ripensiamo la mobilità

Oltre al tradizionale concetto di mobilità, ovvero collegato al fenomeno migratorio, vi sono altre forme di mobilità per esempio la mobilità sociale, la mobilità delle conoscenze e delle culture, e le nuove forme di mobilità facilitate dalla tecnologia attuale, come la mobilità offerta dal telelavoro o dall’internazionalizzazione dell’educazione. Dietro queste molteplici forme di mobilità c’è un fenomeno potente: l’accesso a Internet e, più in generale, con l’avvento dell’era dell’informazione, la globalizzazione ha favorito anche visioni globalizzate e informazioni, soprattutto tra i giovani.

Uno studio del CMI – Centro per l’Integrazione Mediterranea, piattaforma dove le agenzie di sviluppo, governi, autorità locali e società civile di tutto il Mediterraneo si riuniscono per condividere conoscenze, discutere di politiche pubbliche e identificare soluzioni alle sfide che la regione deve affrontare.

Scarica qui un estratto del rapporto italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su